In Brand

Non sempre ciò che vien dopo è progresso, scriveva Manzoni in una sua opera.

È strano che lo diciamo noi, che lavoriamo nella pubblicità e per mestiere siamo sempre attenti alle novità, alle ultime proposte, a qualunque sviluppo si noti in ambito artistico, digitale, relativo agli strumenti e ai mezzi di comunicazione o di tendenza culturale.

Ma, a quanto pare dalle ultime classifiche sui migliori brand a livello mondiale, in particolare quella BrandZ, elaborata da WPP e Kantar, che si basa su un’analisi di diciassettemila marchi di 51 mercati, l’antico ha molta più presa e credibilità rispetto al nuovo e risponde in maniera decisamente migliore alle sfide presentate dall’attuale crisi.

Secondo le analisi, il pubblico ha infatti dimostrato di apprezzare molto di più i grandi brand storici rispetto alle ultime proposte del mercato, probabilmente spinto dal senso di affidabilità, di solidità e di coerenza che emanano marchi come Barilla, Campari, Omino Bianco, Fiat.

Oggi che tutti viviamo l’incertezza di un passato recente critico e di un presente instabile, evidentemente riconosciamo nelle marche che hanno fatto la storia dei nostri consumi dei punti di riferimento certi e positivi, che emotivamente ci mettono al riparo dalla sensazione di precarietà diffusa, e, nel concreto, ci offrono degli esempi interessanti di risposte pratiche alle nostre necessità.

I brand di successo” afferma infatti Federico Capeci, CEO di Kantar, “sono quelli che lavorano sui bisogni del consumatore e che interpretano un ruolo al suo servizio, modernizzandosi nelle tecniche, nei prodotti e nei temi che trattano”.

Quando tutto cambia, ci rifugiamo in quelle certezze concrete che ci hanno accompagnato negli anni, piuttosto che guardarci in giro e sperimentare nuove proposte.

Tanto che negli ultimi mesi i brand storici hanno aumentare il loro valore del 5,9%.

Questo risultato ci spinge a riflettere in particolare su tre punti.

1. Siamo più emotivi di quanto non vogliamo credere.

Noi, e tutti i consumatori, di fronte a un prodotto, o al momento dell’acquisto, non agiamo semplicemente in base a valutazioni razionali, ma ci facciamo trasportare da sensazioni e simpatie.

Queste sensazioni e simpatie sono influenzate dal percorso effettuato dalla marca nel tempo e, soprattutto, da come ha comunicato – quindi dalla pubblicità.

È quindi importante che un brand agisca e si esprima sui diversi canali (come questo, a proposito) rispettando i propri valori e i propri obiettivi, perché così facendo potrà affascinare e farsi apprezzare nel lungo periodo.

2. Saper ‘durare’ e perseguire i propri obiettivi a prescindere dal risultato immediato paga sempre.

Tante delle marche che ora hanno un peso storico non hanno avuto un exploit immediato, ma piuttosto un’ascesa costante negli anni.

Il successo è frutto di impegno, di decisioni oculate, di un talento per la scelta delle persone e della capacità di valorizzare e dirigere i team.

Di una convinzione ferma nella propria strada e insieme di una mentalità elastica che permette di fiutare le tendenze e le opportunità.

I brand storici non hanno evitato di fare errori, ma hanno imparato da ogni sbaglio commesso, trovando nuove strategie e canali diversi per raggiungere i propri obiettivi. 

3. Ascoltare è una virtù che porta fortuna.

Una buona capacità di ascolto porta i brand adiventare marche di riferimento.

Un brand oculato ascolta il mercato in generale e il proprio target di riferimento in particolare.

  • Che cosa desidera il mio pubblico?
  • Di che cosa ha bisogno in questo momento?
  • È cresciuto, e quindi necessita di prodotti che evolvano insieme a lui?
  • Ha mantenuto o cambiato abitudini o predilezioni?
  • Il mercato si confronta con una nuova difficoltà? Come posso contribuire ad alleviarne il peso?

Queste sono tutte buone domande che ognuno di noi dovrebbe porsi per accompagnare il proprio target con prodotti o servizi che diano soddisfazione e spingano a essere ricordati.

Perché tutti dobbiamo ricordarci che un pubblico soddisfatto è il migliore investimento che possiamo fare per la nostra azienda.

Post suggeriti
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.